Aikido, Arte Marziale o Terapia?

Molteplici eventi stanno cambiando in maniera estremamente rapida il senso della nostra vita. Oggi  ci troviamo a vivere in un mondo violento e arrogante dove la forza di prevalere sugli altri pare essere l’elemento dominante. La perdita dei valori di base, cardine delle precedenti generazioni, si sta ormai dissolvendo, per lasciare sempre più spazio  ad altri valori materiali e alla continua percezione dell’insoddisfazione personale. Sebbene in contrapposizione con il nostro modo di vivere attuale, quello che vogliamo proporre è un qualcosa di “terapeutico” che sia utile per ritrovare l’armonia fisica e mentale con noi stessi e con gli altri. Tutto ciò si chiama AIKIDO una parola giapponese che sintetizza nei tre ideogrammi che la compongono la descrizione di un’antica arte marziale, attualissima anche per i nostri tempi. Contrariamente alle altre arti, dette marziali, l’AIKIDO non è uno sport agonistico, non esistono gare che designano alla fine un vincitore, ma di una vera arte si tratta , ognuno con il suo apporto si può rendere partecipe a suo modo, indipendentemente dall’età e dallo stato fisico di forma. Importante è il richiamo nel cercare il comportamento e l’etichetta, ciò fa si che il praticante trovi con il tempo un’ unione con il corpo e lo spirito. Nella pratica dell’AIKIDO si impongono regole fondamentali di rispetto partendo dal luogo dove esso viene praticato “Dojo” e il rispetto dei compagni con cui ci si esercita, alternando il ruolo di “Tori”, colui che esegue la tecnica, a quello di “Uke” colui che la tollera, in questa alternanza non vi saranno mai né vinti né vincitori, ma solo un’armonia di movimenti.

Il TAKEMUSU AIKIDO è il metodo didattico da noi seguito, lo stesso che il fondatore Morihei Ueshiba insegnava nel suo dojo di Iwama è che è stato tramandato fino a noi intatto attraverso Morihiro Saito Sensei e dai sui discepoli, con il nostro sforzo, cerchiamo  a nostro modo, di mantenerlo intatto. Nel nostro percorso di studi viene data uguale importanza pedagogica sia alle tecniche praticate a mani nude che a quelle praticate con le armi tradizionali giapponesi Jo e Bokken. A questo punto potrebbero essere molte le domande che vorreste porre, riteniamo, dopo anni di esperienza, che le migliori risposte si possono ottenere solo nel momento in cui si incomincia a vedere che cosa sia l’AIKIDO nella sua espressione  e ancor più  se si inizierà a praticarlo, da quell’ attimo potrete capirne la vera essenza e iniziare il percorso per assimilarne i suoi benefici esteriori e soprattutto interiori.

M. Massimiliano Pellegrini
(AIKIDO MAKOTO LUCCA)

Annunci